· 

Il fotografo alla moda: come puoi farti spazio in mezzo alla massa.

Vorremmo farti riflettere sul mercato della fotografia professionale di oggigiorno.

 

Potrai constatare che, ovunque tu ti gira, nascono come funghi fotografi professionisti.

 

Pagine social e siti di novelli fotografi, come funghi.

 

E se arrivi tu nel mercato?

 

Immaginiamo starai pensando che non hai spazio e dovrai sconfiggere la tua concorrenza a gran fatica.

 

Sappi che non è così.

 

Per lo meno non sarà così se decidi di prendere seriamente il tuo percorso per diventare fotografo professionista.

 

Per aiutarti a comprendere, facciamo un passo indietro nel tempo.

 

Negli anni '70, per dire un periodo in cui esisteva la fotografia analogica (con rullino per intenderci), il fotografo era stimato e riconosciuto professionalmente perchè sapeva maneggiare uno strumento difficilissimo.

 

La macchina fotografica di quegli anni era davvero complicata da gestire. Solo il fotografo professionista lo sapeva fare. Di certo, non poteva stare al collo di chiunque una fotocamera di quel calibro.

 

Possiamo dirti che era una laurea ad honorem il fatto di saperla utilizzare nel modo migliore per ottenere foto di qualità.

 

Oggi non è più così.

 

Una reflex digitale dei tempi odierni anche un bambino la sa usare. Per non contare anche i cellulari che si stanno dotando sempre di più di fotocamere sofisticatissime.

 

Vuoi essere considerato un fotografo di serie B, quindi?

 

Il rischio in tal senso c'è, se oggi ti butti nella mischia senza dimostrare le tue competenze.

 

Il brutto è che non ti basterà qualche attestato di workshop per farti riconoscere come competente. Nemmeno i tuoi numerosi premi basteranno. Le famiglie hanno ben altre preoccupazioni.

 

Vorremmo con te fare un ulteriore ragionamento.

 

I fotografi professionisti che si propongono alle aziende ci risulta che una Scuola l'abbiano frequentata (per lo meno lo speriamo). Le aziende richiedono degli standard di perfezione che sono ben al di sopra di quelli richiesti da una famiglia.

 

Di certo la famiglia si sofferma moltissimo sulle emozioni, cosa che non accade per le aziende.

 

Alle imprese non gliene frega niente delle emozioni. Gli interessa che il fotografo professionista produca dei risultati ineccepibili secondo le direttive che loro stesse danno.

 

Quindi? Dove vogliamo arrivare?

 

Se stai pensando di fare della tua passione una professione: oggi devi pensare che anche nel mondo della fotografia alle famiglie ti serve una preparazione approfondita.

 

Tieni conto che, se il tuo sogno è fotografare Neonati e Bambini, ancor di più devi dimostrare di sapere il fatto tuo. 

Devi dimostrare competenza e professionalità non verso i tuoi futuri colleghi fotografi ma verso le famiglie con cui entrerai in contatto.

 

Dovrai essere tu in prima persona che sa prendere la decisione giusta senza chiedere ai tuoi colleghi professionisti. Al massimo il giusto è chiedere consiglio ai nostri docenti che ti supporteranno per tutto l'anno di formazione e oltre.

 

Come vedi i frutti arrivano. Il nostro studente di quest'anno, Simone, sta ottenendo i primi riconoscimenti.

 

Quest'ultimi gli arrivano non perchè è bravo a fotografare. 

 

Non fraintenderci.

 

Intendiamo dire che "essere un bravo fotografo" non è per lui la sola carta vincente. Lui sta parlando con le famiglie della sua preparazione di questi lunghi mesi di studio, che lo porteranno a febbraio 2021 a sostenere anche un esame su tutte le discipline.

 

Le famiglie capiscono che c'è di più di solo fotografia.

 

Già martedì scorso parlandoti di una nostra docente (Lorena Traldi), ti abbiamo fatto capire quanto importante sia leggere i Neonati.

 

Nel prossimo articolo ti porteremo un esempio di criticità e di come tu potresti risolverla con la preparazione che ti darà la nostra Scuola.

 

A martedì prossimo.

Scuola di Fotografia Metodo REL-Azione

Scrivi commento

Commenti: 0