Seminario intensivo per fotografi professionisti: La sicurezza vista con gli occhi del neonato

SABATO 17 E DOMENICA 18 OTTOBRE 2020

 

presso BIBLIOTECA COMUNALE a RIVA DI SOLTO (BG)

 

Sai metterti nei panni del neonato?

 

Sei un fotografo che già esegui servizi fotografici ai neonati (se preferisci Newborn), che però senti l’esigenza di capire bene come muoverti con un cucciolo d’uomo di pochissimi giorni di vita?

 

Magari hai il dubbio che quello che stai facendo ora non sia proprio ciò di cui ha bisogno il neonato. Sei in ansia prima di ogni servizio fotografico ad un neonato.

 

Sei un fotografo professionista che, al contrario, non hai mai avuto a che fare con neonati e quindi vuoi approfondire questo tipo di fotografia ma hai paura di “maneggiare” bimbi così piccolini oppure temi di non esserne in grado?

 

Se ti riconosci in una delle situazioni il workshop che ti propongo qui farà di sicuro al caso tuo.

 

Innanzitutto vorrei dirti che io non sono qui per insegnarti proprio nulla. In questo workshop la parola la avranno Giulia Terranova (Parto Positivo® e Babybrains®) e Lorena Traldi (Terapeuta Neonatale).

 

Ciò che farò io nel seminario è  di farti capire attraverso un’analisi della realtà fotografica come ci si sta muovendo oggi nel mondo professionale. Le mie saranno semplici riflessioni che ti aiuteranno a ragionare da un punto di vista diverso.

 

Presente “Attimo fuggente”? Ecco dovrai salire sul tavolo e vedere da lassù anziché dal basso. Ti farò fare solo questo passaggio.

 

Ti dico che il seminario non parla di sicurezza da garantire al neonato dal punto di vista fisiologico e anatomico. Ciò che sentirai in questo workshop sono certa che nessuno te lo ha mai detto.

 

Dunque?

 

Ti dico che il seminario che qui ti propongo, come collega, ti pone davanti la persona neonato. Hai capito bene, il suo essere persona. Già questo dovrebbe farti riflettere.

 

Io per prima ho capito la delicatezza immensa che ha il servizio fotografico eseguito nei confronti di un neonato di pochi giorni di vita.

 

Ho cominciato a capire che non tutti i neonati sono uguali: neonati prematuri, neonati nati con parto naturale, cesareo o parto indotto, gestazioni tranquille e gestazioni con grandi difficoltà.

 

Pensi che questo non sia da considerare in una sessione fotografica?

 

Nella mia esperienza di 11 anni di fotografia a neonati (quindi non 1 o 2),  me ne sono successe un po’ di tutti i colori: neonati che non stavano fermi nemmeno se li legavi, pose impossibili, allattamento a cadenze di anche pochi minuti l’una dall’altra, attesa ruttino… colpa mia? Colpa della mamma che non fa ciò che dici?

 

Da queste esperienze ho cominciato da subito a farmi un diario di osservazioni di ciò che accadeva in ogni servizio fotografico che facevo.  

 

Da qui, 5 anni fa, ho cominciato ad elaborare che da sola non potevo andare avanti. Il mio intuito, specie con i neonati, non poteva bastare. Non basta portare a casa un servizio fotografico quando hai a che fare con una creatura di soli 10 giorni di vita. 10 G I O R N I D I V I T A. Ci sei?

 

Dovevo affidarmi a professionalità esperte di neonati (ostetricia, psicologia…). Come è possibile non essere formati in questo? Ritengo che una fotografia rivolta a personcine così delicate debba essere supportata da una formazione continua su materie legate ai neonati. Solo la tua conoscenza di fotografia non può bastare..

 

Se vuoi accostarti a questo tipo di fotografia tanto più devi partire dalle conoscenze mediche.

 

Ma… Non bastano le conoscenze basate sulla scienza. E qua casca l’asino!

 

Due anni fa conosco Lorena Traldi (Terapeuta Neonatale) al Barcamp tenuto dall’Associazione Nazionale Fotografi TAU VISUAL che nel suo intervento conferma ciò che io ho sempre pensato dei neonati. La conosco dal video che mi sono fatta mandare dall’Associazione in quanto purtroppo non avevo potuto essere presente.

 

Da lì mi si apre un nuovo mondo che vorrei condividere con te, comincio a portare avanti la fotografia ai neonati con grande osservazione delle loro reazioni in ogni servizio fotografico.

 

I neonati fanno esperienza durante il servizio fotografico. Ci hai mai pensato?

Cosa significa?

 

Quando si fotografano neonati bisogna imparare ad osservarli. Ho capito che è un’arma indispensabile per vivere ogni servizio fotografico senza nessuna ansia che qualcosa non vada come programmato.

 

Andando avanti in queste osservazioni ho visto che ogni sessione era diversa: non un neonato che reagisse in modo identico l’uno dall’altro.

 

Quindi da qui ho dedotto che nessun servizio fotografico può essere programmato prima se non si impara a conoscere il neonato  nella fase anteriore alla sessione.

 

Lorena Traldi prima ed oggi anche Giulia Terranova, che vorrei conoscessi ,mi hanno messo davanti aspetti del neonato che, seppur intuivo, sono davvero oltre ogni aspetto fisiologico e anatomico.

 

Ho ideato, insieme a Giulia e Lorena, questo seminario che ti insegnerà a metterti nei panni del neonato e a capire il suo modo di vivere il servizio fotografico. Sarà un piccolo assaggio. Si sa che per andare a fondo su questi argomenti occorre lavorarci in una formazione continua, come sto facendo io e altri fotografi del nostro team.

 

Oggi, come professionista, son certa che fai tutti i tuoi calcoli di esecuzione della sessione:

  • Predisponi il set fotografico secondo le regole;
  • Ti predisponi un flusso di lavoro da portare avanti: sequenza di pose;
  • Cominci a trarre ispirazione magari da scatti di colleghi;
  •  Comunichi tutte le istruzioni alla mamma perché arrivi da te con le carte in regola per fare il servizio fotografico.

Arrivi alla sessione tutto gasato e succede il patatrac.

 

Nulla va come avevi sperato:

  1. La mamma ansiosa che non vuole che “maneggi”  il suo neonato;
  2. Il neonato che non vuole stare nella fasciatura che ti ostini a fare;
  3. Il neonato che rigurgita, fa pupù…;
  4. Il neonato che ha bisogno di essere allattato appena arrivato in studio perché la mamma ha dimenticato di dargli il latte prima di venire nel tuo studio e i tempi slittano;
  5.  Pianti che non si interrompono nemmeno con le poppate e coccole;
  6. Le pose che non vengono come decidi tu;
  7. Intromissioni di nonni o altri parenti;

Credo che almeno una di queste situazioni ti sia capitata.

 

Come hai reagito? Te lo chiedo perché anche questo sarà oggetto di discussione nel seminario. Lorena e Giulia saranno a tua disposizione per farti capire che con una lettura adeguata del comportamento del neonato e delle sue profonde esigenze, avrai la vita più facile.

 

Perché, quindi, dovresti partecipare?

 

Partecipando a questo workshop-seminario:

  • Capirai il neonato oltre la sua fisiologia e anatomia: ciò ti sarà utile nel caso il cucciolo d’uomo non risponda al tuo progetto fotografico.
  • Comprenderai che il fotografo professionista oggi non può fermarsi solo al perfezionamento della tecnica fotografica e artistica. I neonati e loro famiglie sono persone che avvertono necessità e bisogni che devi essere in grado di leggere per essere in grado di dare risposte fondate da conoscenza ai tuoi clienti (ad esempio: può essere che la mamma ti chieda perché il suo neonato durante la sessione abbia una determinata reazione, e tu?);
  • Dopo il workshop affronterai sessioni con occhi diversi e rinnovati per garantirti un miglior successo di gradimento del tuo cliente finale (oltre l’aspetto del risultato tecnico-fotografico);
  • Quanto apprenderai nel seminario, sarà per te un primo strumento per affrontare un nuovo modo di eseguire i servizi fotografici ai neonati, magari trovando anche una tua proposta personale per il tuo cliente finale;
  • Ora non ti resta che leggere il programma e compilare il form con tutti i tuoi dati.

Sei ancora indeciso in quanto non sai se ne valga la pena?  Pensi che sia meglio partecipare a workshop già consolidati?

Pensi che questo sia l’ennesimo workshop che ti vogliono vendere?

 

Di una cosa sono certa: quello che sarà affrontato nel workshop di certo non lo hai mai sentito dire da nessuno. Ad oggi in Italia non è stato mai insegnato ad un fotografo di neonati ciò che sentirai nei due giorni formativi.

 

Ti dico che solo i primi 30 iscritti avranno questo onore.

 

Abbiamo previsto anche un numero limite per ciascuna provincia.

 

Perciò fino a che tu ci stai ancora pensando, altri si sono fatti avanti. E tu hai perso il treno e farai come hai sempre fatto e come fan tutti.

Non vuoi essere quello che fa un passo avanti?

 

 

Compila il form con tutti i tuoi dati. Riceverai poi tutte le istruzioni per procedere alla tua partecipazione.

 

A tutti i partecipanti al seminario un BONUS SPECIALE (vedi più sotto).

 

RELATORI:

Giulia Terranova - Parto Positivo® e Babybrains®

Lorena Traldi - Terapeuta Neonatale

Chiara Chiodi - Fotografa specializzata infanzia, ideatrice e fondatrice della Scuola di Fotografia secondo il metodo Bimbi So Special®

 

PROGRAMMA DELLE 2 GIORNATE:

 

SABATO 17 OTTOBRE 2020

 

9:00 - 9:30 - Controllo registrazione e presentazioni

9:30 - 10:00 - Introduzione del workshop e scopo 

10:00 - 11:00 - Intervento Giulia Terranova: Il neonato può comprendere cosa gli accade? Il neonato riconosce i volti?

Concetti di Memoria procedurale verso memoria a lungo termine

11-00 -11:15 - PAUSA

11:15 - 12:15 - Spazio alle domande e agli approfondimenti

 

12:15 - 14:45 - PAUSA PRANZO 

 

15:00 - 16:00 - Intervento Lorena Traldi: Cosa significa per il neonato essere al sicuro? 

Il concetto della dissociazione del neonato

16:00 - 16:15 - PAUSA

16:15 - 17:15 - Spazio alle domande e agli approfondimenti

 

DOMENICA 18 OTTOBRE 2020

 

9:00 - 10:00 - Intervento di Chiara Chiodi - Lo stato dell'arte della fotografia ai neonati e bambini - Analisi della proposta nel mondo fotografico amatoriale e professionale

10:00 - 10:30 - Spazio alle domande ed approfondimento

10:30 - 10:45 - PAUSA

10:45 - 12:30 - Laboratorio socio-fotografico: Come fai con i bambini? 

Laboratorio pratico di approccio a bambini piccolini. Nel laboratorio sarete osservati dalle nostre esperte Giulia e Lorena.

 

12:30 - 14:30 - PAUSA PRANZO

 

14:30 - 16:30 - Tavola rotonda sui risultati raccolti durante il laboratorio socio-fotografico. Spazio a domande ed approfondimenti.

16:30 - 16:45 - PAUSA

16:45 - 17:30 - Conclusioni e chiusura del workshop

 

COSTO DEL WORKSHOP: € 187,00 

 

EVENTO APERTO AD UN MASSIMO DI 10 PARTECIPANTI.

 

BONUS SPECIALE A TUTTI I PARTECIPANTI: BUONO DI € 187,00 DA SPENDERE NELLA FORMAZIONE DELLA NOSTRA SCUOLA. Buono valido per le iscrizioni ai nostri corsi-seminari e webinar entro il 31 ottobre 2019. Con la tua partecipazione puoi recuperare la tua quota di iscrizione.

 

 

Per iscriverti compila il modulo sotto

Per favore, inserisci il codice:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti