A febbraio 2019 si sono formati i primi 10 fotografi secondo il Metodo BSS®.

 

Già in pochi mesi hanno avuto modo di sperimentare ed apprendere il modo di operare secondo un Protocollo che prevede una prassi e alcuni punti saldi nell'approccio al neonato e alla famiglia.

 

Sono i primi fotografi a misura di bambino esistenti nel mercato della fotografia professionale.

 

Alcuni di loro sono ancora assistenti in quanto si stanno formando in modo più approfondito dal punto di vista della pratica. Appena pronti spiccheranno il volo con l'apertura della loro partita iva.

 

Qui vorrei sottoporti le loro prime sensazioni nell'essersi avvicinati a questa forma di fotografia secondo un Metodo nuovo nella fotografia Neonati, Bambini e Famiglie.

 

Ti aiuterà a prendere la tua decisione per avvicinarti a questa formazione tutta nuova. Sono i primi e stiamo lavorando per farli crescere nel loro territorio. La prima volta che si crea una vera sinergia per comunicare tutti allo stesso modo e non uno in contrasto con l'altro.

 

Lo scopo di tutti è di lavorare di più e meglio con gli strumenti che ti verranno dati in questa Scuola di Fotografia MBSS®.

 

Non solo, troverai anche le opinioni di chi si è informato su di noi e di chi ci sta formando giorno per giorno.

 

Ecco qui di seguito le prime impressioni:


Ciao oggi ho avuto il colloquio, che ci ha regalato Chiara, con Lorena. è stato utilissimo, dopo qualche minuto dove ho parlato delle mie difficoltà incontrate durante il servizio neonati, Lorena mi ha fatto subito capire che i problemi che incontravo erano originati dalla mia storia, cioè come ci ha spiegato durante il workshop iniziamo a fare esperienza già nel ventre materno e inconsciamente queste esperienze ci "orientano" durante le esperienze successive.

Mi ha suggerito come e dove lavorare per modellare queste mie esperienze di nascita in modo che non mi siano di ostacolo e mi ha spiegato come pormi di fronte a bambini e neonati.

Colleghi fotografi vi consiglio di trovare 30 minuti per parlare con la nostra terapeuta corporale neonatale ne trarrà giovamento sia la nostra vita professionale in generale che la nostra attività con Chiara.


Ho appena concluso i trenta minuti con Lorena (in realtà superati di un bel po') . Consiglio a tutti i fotografi del team di usufruire di questa opportunità. Lorena non parla solo delle difficoltà che potremmo avere con i bambini, ma che abbiamo in generale con noi stessi e che involontariamente ci ostacola nel nostro lavoro e non solo. Super consigliato. Grazie a Lorena.

Buonasera a tutti. Appena conclusa una settimana interessante iniziata con i consigli di Annette Tuxen nel suo gruppo di marketing, e conclusa stasera con altrettanti consigli da parte di Lorena Traldi. Capire dove lavorare con noi stessi è molto importante. Che dire, grazie Annette e grazie Lorena


Desidero rispondere a chi mi ha chiesto: “Ma che roba è Bimbi So Special®?”

Come afferma Chiara Chiodi la fondatrice di Bimbi So Special®, si tratta di fotografia a misura di bambino.

Però non si tratta solo di fotografia ma di fotografia che lavora a braccetto con la scienza. Cioè il Team di fotografi lavora costantemente a contatto con professionisti del settore infanzia (ostetrici, terapeuti del comportamento neonatale, psicologi e pedagogisti).
Ed è proprio questo connubio tra fotografia e scienza che mi ha fatto dire: “voglio dare il mio contributo come professionista allo sviluppo del progetto”.
Non la classica fotografia dove i bambini sono dei modelli ma una fotografia dove la scienza guida la mano del fotografo.
Un progetto nel quale noi fotografi viviamo in totale coordinazione con i professionisti dell’infanzia: come dice Chiara “è una simbiosi di esperienze”.

È una fotografia guidata in base alle nozioni scientifiche dove prima di tutto c’è il bambino i suoi bisogni e le sue necessità.



LE MIE EMOZIONI DOPO IL WORKSHOP E IL PRIMO NEW BORN

 

Era il primo workshop che affrontavo nella mia breve esperienza da fotografa, ero veramente emozionata ma devo dire che lo rifarei altre mille volte! Un’ esperienza fantastica, con persone oltre che fantastiche, preparatissime in tutti i settori, come dovrebbe sempre essere! L’aspetto fotografico è arrivato soltanto alla fine, di sfuggita.. quello che più era importante era il bambino, con tutti i suoi aspetti di neonato e non solo.

 

I “professori” se così li vogliamo chiamare erano non dei fotografi ma tutt’ altro : ostetrici, terapeuti neonatali e psicologi! Un mondo fantastico, e tutto questo per la fotografia. Un tipo di fotografia che guarda alla realtà, guarda alle esigenze del bambino e della sua famiglia, osserva le condizioni e ne fa degli scatti fantastici, tutto questo nel “tepore di casa” come afferma sempre Chiara. 

 

Durante la terza giornata di workshop abbiamo fotografato come se fossimo stati in uno studio fotografico ma in realtà eravamo in un ristorante.. questo è stato un problema? Assolutamente no!!La vera cosa importante erano i bambini, erano i loro sorrisi, i loro sguardi, le loro famiglie che dietro le nostre spalle li facevano ridere e giocare insieme! Un ‘atmosfera fantastica e tutto questo in velocità, ma anche questo non è stato per nulla un fattore rilevante! Mi sono sentita fin da subito a mio agio, mentre scattavo giocavo con loro cercando di farli sentire a proprio agio e cercando di catturare in loro qualsiasi emozione!

 

[…]

 

È arrivato poi il giorno del new born a casa! Un’emozione indescrivibile ma al tempo stesso non vedevo l’ora di prendere in mano la mia macchina fotografica e scattare!

È stata una mattinata piena di emozioni, con una cucciola di soli 14 giorni mi sono entusiasmata tantissimo. È stato bello “mettere in pratica” quello che era stato detto da Chiara e durante il workshop e poter osservare la bimba mentre, “libera” nel lettone di mamma e papà, si esprimeva ogni secondo in un modo diverso! Fantastico! In ogni singolo scatto pensavo a “come è bello osservare una neonata che si esprime lei stessa, senza indurla a fare nulla a soli pochi giorni dalla nascita, come è bello vedere i segni della nascita, le sue pellicine, le sue pieghe, …” un’esperienza che difficilmente dimenticherò!

Sperando che possa essere la prima di tante!


Desidero rispondere a chi mi ha chiesto: “Ma che roba è Bimbi So Special®?”

 

Come afferma Chiara Chiodi la fondatrice di Bimbi So Special®, si tratta di fotografia a misura di bambino.

 

Però non si tratta solo di fotografia ma di fotografia che lavora a braccetto con la scienza. Cioè il Team di fotografi lavora costantemente a contatto con professionisti del settore infanzia (ostetrici, terapeuti del comportamento neonatale, psicologi e pedagogisti).

Ed è proprio questo connubio tra fotografia e scienza che mi ha fatto dire: “voglio dare il mio contributo come professionista allo sviluppo del progetto”.

Non la classica fotografia dove i bambini sono dei modelli ma una fotografia dove la scienza guida la mano del fotografo.

Un progetto nel quale noi fotografi viviamo in totale coordinazione con i professionisti dell’infanzia: come dice Chiara “è una simbiosi di esperienze”.

 

È una fotografia guidata in base alle nozioni scientifiche dove prima di tutto c’è il bambino i suoi bisogni e le sue necessità.

 


Sono un fotografo di Treviso. Ho esperienze fotografiche in diversi ambiti e recentemente, dopo aver conosciuto Chiara, mi sono avvicinato alla fotografia di infanzia e Newborn.

 

Il mondo dei bambini mi affascina e loro mi piacciono. La loro curiosità e il loro trasporto per ogni cosa, la timidezza i sorrisi e i giochi con i fratellini e con voi genitori; la loro naturale diversità e lo specchio di un innocenza che da adulti si perde. Questo è quello che di loro mi piace ed è questo che vorrei riportare nelle immagini dei vostri bambini e della vostra famiglia.

 

Emozioni e attimi reali senza set costruiti artificiosamente in cui rivedersi e riconoscersi anche in futuro, sia per voi genitori che per i vostri figli, un giorno adulti.

 

Entrerò per qualche ora e con rispetto nel vostro quotidiano ma con un nobile intento di consegnarvi il ricordo di emozioni per il futuro.

  

Estate 2018.

Sono a casa davanti al computer e mi capita in imbattermi in un annuncio di una fotografa di Rovigo dove cerca colleghi per formare un team specializzato nella fotografia di infanzia e Newborn in un modo nuovo e atipico, non convenzionale insomma.

Subito penso che è assurdo c’è già un sacco di fotografi che lo fa. Però quel “nuovo e atipico” un po' mi pizzica e incuriosisce. Lei si chiama Chiara e decido di chiamarla!

 

Febbraio 2019.

Sono a Rovigo con altri  nove fotografi per partecipare al primo workshop Bimbi So Special pensato da Chiara per la formazione del Team.

Da subito si capisce che non è il solito workshop, per una volta l’aspetto fotografico viene dopo.

I docenti sono prima di tutto esperti del mondo dell’infanzia:  Lorena, terapeuta corporale neonatale; Riccardo, ostetrico;  Federica, psicologa. Solo alla fine Chiara per la parte fotografica.

Prima di tutto al centro ci sono i bambini e dobbiamo prendere coscienza del loro mondo ed entrarvi in punta di piedi con la nostra macchina fotografica rispettando il loro spazio e il loro modo di essere bambini.

Impariamo a fotografare da un altro punto vista: quello del bambino e del suo meraviglioso mondo; catturare immagini spontanee, vere senza set artefatti o immagini forzatamente in posa.


Molto impegnativo fotografare i neonati, non è per niente scontato lavorare con loro ma Chiara Chiodi e professionisti dell'infanzia da lei scelti sono stati di fondamentale supporto.


Buongiorno, mi chiamo Lorena Traldi, sono Terapeuta Corporale Neonatale e faccio parte del Team Scientifico Bimbi So Speciai di Chiara Chiodi.

 

Quando Chiara mi contatto' l'anno scorso per chiedermi se volessi collaborare al suo progetto non avevo ancora ben chiaro cosa potesse avere a che fare la mia professione con i fotografi.

 

Accettai subito quando mi spiegò che il suo obbiettivo era creare un metodo fotografico più rispettoso e autentico verso i bambini e soprattutto i neonati, rispetto alle mode del momento, che vedono questi poveri bambini avvolti e insaccati in garze ma sopratutto lontano dalle braccia della madre.

 

Quando guardo un neonato ciò che vedo è innanzitutto il suo bisogno di sicurezza e ascolto empatico, quindi, come terapeuta neonatale sono molto lontana dall'avvallare chi si muove intorno ai neonati come fossero bambolotti.

 

Ad oggi, il progetto di Chiara è diventato una Scuola vera e propria, dove si formano fotografi professionisti e aspiranti tali e in cui ho già avuto il piacere di collaborare insieme ad altre figure di stampo scientifico specializzate in infanzia, per la loro formazione ed è stato un esperienza speciale!

 

Speciale come lo sono tutti i bambini.

 

Speciale come lo sono i fotografi che già ne fanno parte, perché hanno dimostrato di essere scevri dalle mode e di pensare con la loro resta.

Speciale come lo sono tutte le famiglie che stanno aderendo alla Scuola per genitori BSS, perché stanno dimostrando di voler conoscere su base scientifica e Olistica l'orientamento dei neonati e dei bimbi tutti., per fornire ai propri figli le basi migliori di cui edificare il proprio futuro.

 

Onorata e gioiosa di far parte di questo fantastico palinsesto, invito tutti, ma davvero tutti coloro che amano la Vita, se stessi e i bambini a farne parte, per una crescita personale davvero evolutiva sotto ogni punto di vista!